Dividere i beni ereditari

Dividere i beni ereditari

Ripartire i beni ereditati è spesso un’operazione complessa. Spesso si tratta di situazioni eterogenee: se è facile dividere i soldi di un conto corrente bancario, non altrettanto si può dire per gli immobili. Terreni, ville, appartamenti, negozi, posti auto anzitutto possiedono caratteri ben diversi, ma poi sono anche spesso difficilmente divisibili. Ma poi nel procedimento di divisione deve entrare in gioco anche il valore di quanto eventualmente già oggetto di donazione: e qui le cose si complicano ancora di più… occorre senz’altro parlarne con specialisti del settore.

Divisione ereditaria:
un difficile tema che ha bisogno di risposte sicure.

La divisione dei beni ereditari è un’arte tra le più difficili. Prima di tutto si tratta di fare chiarezza su quali siano i lasciti che ciascuno dei condividenti ha ricevuto. Infatti capita spesso che siano state effettuate donazioni in vita che devono essere calcolate per poter correttamente dividere ciò che resta tra i coeredi. Non basta: tra i coeredi la legge prevede che scatti la cosiddetta “collazione”. Si tratta di un obbligo che grava su ciascun coerede in favore degli altri coeredi, reciprocamente. V’è poi il problema dell’apprezzamento di valore di tutti i beni appartenenti all’asse (anche di quelli di cui già venne disposto a titolo di donazioni). Queste sono tutte operazioni che potremmo definire “predivisionali”.  La divisione vera e propria pone altrettante difficoltà. Si pensi all’elaborazione dei conguagli per compensare lotti di diverso valore, ad aspetti fiscali quali l’applicazione del principio della c.d. “masse plurime”. Tutti temi non banali e dei quali ci occupiamo da tempo.

Non tutti gli eredi sono d’accordo: cosa posso fare?

Per poter concludere una valida divisione occorre che al tavolo di siedano tutti i comproprietari, tutti i coeredi. E se qualcuno punta i piedi? Non solo, come detto, non si può procedere, ma tutto si può bloccare, quantomeno fino a che non si registra il consenso di tutti circa i lotti da assegnare e il valore da riconoscere ad essi. Questo non significa che non si possa reagire all’inerzia, ma soltanto rivolgendosi al giudice, intraprendendo cioè una causa avente ad oggetto una divisione giudiziale. È chiaro come sia preferibile andare d’accordo: siamo qui anche per prospettarvi le soluzioni più appropriate per il vostro caso.

Le operazioni predivisionali: la collazione.
Cosa devo fare se ho ricevuto una donazione?

Forse non tutti sanno che le donazioni effettuate si considerano come una sorta di anticipazione rispetto ad una futura successione della persona che, successivamente venuta meno, abbia lasciato una pluralità di coeredi. Viene in considerazione al riguardo la collazione, che è un istituto giuridico in forza del quale chi ha ricevuto un bene in donazione è tenuto, una volta aperta la successione, o a retrocederne la proprietà all’asse oppure a versare nell’asse ereditario una somma corrispondente al suo valore. Questa normativa certamente crea non pochi problemi ed imbarazzi in chi, ricevuta una donazione, non pensa minimamente che il tuto potrebbe essere assoggettato a discussioni un domani. Questa situazione è comunque evitabile se chi dona espressamente dispensa il donatario dalla collazione, evitando di far scattare il relativo obbligo. È una materia complessa, dal momento che i valori di computo dei beni vanno messi attentamente a fuoco: rivolgersi ad un professionista pare senz’altro la scelta migliore.

Contattaci e ti aiuteremo a risolvere i tuoi problemi di successione.

Lo Studio prevede un’assistenza personalizzata ritagliata su misura rispetto alla situazione di ciascun Cliente.
Non appena ricevuta la Vostra richiesta sarete contattati personalmente allo scopo di fissare un colloquio.
Conoscere tutti i termini del problema per poter formulare una diagnosi corretta è la chiave di ogni soluzione.

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo numero di telefono (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Leggi l'informativa completa al link di approfondimento.